Notizie Judo

 


  14/05/2018 - Campionati Italiani Juniores

SABATO 12 MAGGIO 2018

Il Judo Grosseto si è confermata la migliore della classe juniores maschile. Ad affermarlo è stata la classifica per società del campionato italiano di judo, classe U21, che al successo ottenuto nel 2017, ha aggiunto anche quello nel PalaPellicone oggi, con il team toscano nuovamente al primo posto. Una finale tutta ‘Judo Grosseto’ è stata quella dei 55 kg con Mattia Martelloni che, a sua volta, si è confermato al primo posto, superando in quest’occasione il compagno di squadra Antonio Corsale, che l’anno scorso si piazzò al terzo posto. Gli applausi però, sono stati dedicati anche ad altre eccellenze italiane, per un giusto riconoscimento in un ‘fuori programma’ dedicato a Roberta Chyurlia, miglior arbitro donna 2017 per l’European Judo Union, Felice Mariani ed Ezio Gamba, due grandissimi campioni del passato e, su piani diversi, protagonisti assoluti della scena di oggi. Luigi Nasti, oggi vicepresidente judo, è stato lo speaker d’eccezione e, con Felice ed Ezio, ha condiviso da atleta un percorso ricchissimo di soddisfazioni.

55: 1) Mattia Martelloni (Judo Grosseto); 2) Antonio Corsale (Judo Grosseto); 3) Gabriele Greco (Accademia Torino) e Liborio Basirico (Banzai Cortina Roma)

Mattia Martelloni: “Ho vinto anche l’anno scorso, ma questa volta è stata dura a livello fisico, ed anche psicologico perché sto studiando per la maturità e devo gestire i tempi al meglio in tutti i sensi, anche per fare il peso. Dedico questa vittoria soprattutto a mamma e babbo che mi sostengono in tutto con grandi sacrifici. Voglio aggiungere anche un augurio di pronta guarigione a mio zio Valter che, per la prima volta dopo sei anni, non ha potuto esserci”.

60: 1) Biagio D’Angelo (Fiamme Oro); 2) Diego Rea (New Body Center); 3) Carlo Edoardo Fraticelli (New Body Center) e Patrick Cala Lesina (Airon Judo 90)

Biagio D’Angelo: “Questa medaglia arriva da un periodo buio, dopo che diverse gare erano rimaste senza risultato. Mi sentivo bene, tranquillo e sapevo di poter vincere, andando avanti ho capito che stava succedendo. In finale con Diego, che ci conosciamo benissimo, mi sono preso la rivincita. Agli assoluti lui, oggi io! Ringrazio la mia famiglia e tutte le Fiamme Oro”.

66: 1) Manuel Lombardo (Esercito Roma); 2) Luigi Brudetti (Star Napoli); 3) Luca Caggiano (Carabinieri) e Edoardo Mella (Akiyama Settimo)

Manuel Lombardo: “Dopo aver fatto gli Europei senior pochi giorni fa, non è stato certamente un peso, anzi mi ha fatto piacere ritornare a combattere a Ostia e poi è stato per me l’ottavo titolo italiano ed il quinto juniores. Sì, li ho vinti tutti! Naturalmente ringrazio per questo l’Esercito e l’Akiyama, i tre fratelli Toniolo in particolare”.

73: 1) Alessandro Magnani (Kyu Shin Do Kai Parma); 2) Mattia Prosdocimo (Judo Vittorio Veneto); 3) Jimi TchinTcharauli (Franco Quarto Bari) e Matteo Mazzi (Judo Grosseto)

Alessandro Magnani: “Sono venuto qui per vincere ed è andata così. Sin dal primo incontro ho sentito che ce l’avrei fatta ed alla fine posso dire di essere contento della mia gara. Ringrazio tutto il mio club, dal presidente al tecnico, tutti!”

81: 1) Kenny Bedel (Villanova Pordenone); 2) Mattia Gallina (Miriade Roma); 3) Giacomo Gamba (Forza e Costanza Brescia) e Antonio Apruzzesi (G.Giovinazzo Roma)

Kenny Bedel: “Sono davvero contento, perché è il mio primo titolo d’Italia! La gara è andata molto bene, mi sono preparato davvero molto. Il miglior incontro è stato sicuramente la semifinale dove sono riuscito a rifarmi con Giacomo (Gamba, ndr) che mi aveva battuto all’Alpe Adria. So che questo è un ottimo punto di partenza per questi tre anni Junior che ho davanti. Ci tengo a ringraziare la mia famiglia, il mio allenatore, i miei compagni e lo Shidokan2018, la società presso cui mi alleno”.

90: 1) Andrea Fusco (Nippon Napoli); 2) Gennaro Pirelli (Kodokan Sport Napoli); 3) Gianluca Iudicelli (Accademia Torino) e Lorenzo Tanganelli (Judo Grosseto)

Andrea Fusco: “Dopo l’oro a Coimbra ho preparato minuziosamente quest’altra gara. Stavo bene sul tappeto ed ero a mio agio, ma ora sto già pensando agli appuntamenti futuri in ambito europeo”.

100: 1) Christian Storto (Akiyama Settimo); 2) Mohammed Lahboub (Fenati Spilimbergo); 3) Enrico Bergamelli (Carabinieri) e Daniele Gasparri (Budokan Bologna)

Christian Storto: “Sono contento per questa vittoria, mi ripaga di tanti anni di sacrifici e di allenamenti che, l’anno scorso, mi avevano portato ad un passo soltanto, mi piazzai secondo. Ringrazio tutta la mia palestra, i tecnici, i miei compagni di squadra, i miei genitori”

+100: 1) Lorenzo Agro Sylvain (Kyu Shin Do Kai Parma); 2) Federico Bencivenga (Yama Dojo Bologna); 3) Oliver Grasso (Dynamic Center Gravina) e Lorenzo Turini (Kumiai Torino)

Lorenzo Sylvain Agro: “Sono contento per questo primo posto, soprattutto perché per me è il primo in assoluto in un campionato italiano. Ringrazio il mio club, i miei tecnici, la mia famiglia, dedico questa medaglia alla mia palestra”.

Società: 1) Judo Grosseto; 2) Kyu Shin Do Kai Parma; 3) Akiyama Settimo

--------

DOMENICA 13 MAGGIO 2018

Accademia Torino, Fitness Club Nuova Florida e Fiamme Gialle Roma, è questo l’ordine nella classifica per Società della seconda giornata nel PalaPellicone per il campionato italiano juniores. Al termine del torneo tricolore sono stati assegnati anche i premi per i vincitori più giovani che sono risultati il pordenonese Kenny Bedel per le categorie maschili e Carlotta Avanzato per quelle femminili. Questi i pensieri e le parole delle otto campionesse italiane.

44: 1) Silvia Giuseppa Drago (Ippon Enna); 2) Ilenia Salfi (Dojo Judo Cosenza); 3) Gaia Bottiglieri (Cs Pomilia) e Valeria Uras (Judo Club Canino)

Silvia Drago: “Sono molto soddisfatta, oggi è filato tutto liscio ed arrivato il secondo titolo consecutivo. Ora l’obiettivo è puntato sugli Europei cadetti”.

48: 1) Carlotta Avanzato (Fitness Club Nuova Florida); 2) Sofia Petitto (Akiyama Settimo); 3) Assunta Scutto (Cs Maddaloni) e Giulia Santini (Fitness Nuova Florida)

Carlotta Avanzato: “Non me l’aspettavo e sono molto felice per questo titolo. La semifinale è stata dura e così è stata anche la finale, ma in quel caso è stato un incontro che già avevo affrontato e dovevo dimostrare di meritare”.

52: 1) Alessia Tedeschi (Judo Castellanza); 2) Sofia Barboni (Europaradise Roma); 3) Martina Scisciola (AM Torre del Greco) e Federica Silveri (Banzai Cortina Roma)

Alessia Tedeschi: “È una grande soddisfazione, anche perché si tratta della prima volta per me che mi trovo a vincere il titolo italiano, ma ora guardo avanti e desidero ringraziare soprattutto il mio tecnico, Cinzia e la mia famiglia”

57: 1) Silvia Pellitteri (Accademia Torino); 2) Ludovica Lentini (Carabinieri); 3) Valentina Tomellini (Judo Club Parabiago) e Ylenia Monaco (Fitness Club Nuova Florida)

Silvia Pellitteri: “Sono soddisfatta perché ho vinto il primo titolo nella classe di appartenenza, ed è un traguardo che ci tenevo a raggiungere. Ora che è fatta però, punto più in alto e guardo avanti. Ringrazio i miei coach e, soprattutto, la mia famiglia”.

63: 1) Nadia Simeoli (Nippon Napoli); 2) Mariasole Momente (Dojo Equipe Bologna); 3) Nicolle Disanto (Cs Pomilia) e Flavia Favorini (Judo Frascati)

Nadia Simeoli: “Questo è il secondo titolo consecutivo ed arrivato al termine di una gara normale. Ci tenevo a riscattarmi per ragioni che sono mie personali”.

70: 1) Alice Bellandi (Fiamme Gialle); 2) Ilaria Qualizza (Kumiai Torino); 3) Martina Esposito (Star Napoli) e Cecilia BetFonte: fijlkam

 
  30/04/2018 - Europei Judo Tel Aviv 2018: L'Italia chiude con 2 medaglie

26 Aprile

Matteo Medves centra l’impresa: è vicecampione d’Europa 2018. L’azzurro vince la medaglia d'argento e sale sul secondo gradino del podio della rassegna continentale di Tel Aviv, Israele, nella categoria -66 kg. A 10 anni dall’ultimo titolo italiano (vinto da Ylenia Scapin a Lisbona nel 2008), Matteo sfiora il sogno di riscrivere la storia del judo azzurro: cede il titolo allo sloveno Adrian Gomboc, già argento alla scorsa edizione, subendo prima un waza-ari e, negli ultimi istanti della finale, l’ osaekomi decisivo. 
Un percorso incredibile quello del 23enne di Udine, che guadagna così la medaglia d’argento: supera in successione il francese Kilian Le Blouch per waza-ari, l’ungherese Zsolt Gorjanacz grazie ad un ippon spettacolare e, ai quarti, il bronzo europeo 2017 Nijat Shikhalizada (Aze) a cui rifila un ippon ribaltando il punteggio iniziale che lo vedeva in svantaggio per waza-ari. Incontenibile poi la gioia dell’atleta delle Fiamme Oro per la volata verso la sfida per il titolo dopo aver battuto di misura il giovanissimo montenegrino Marko Gusic in semifinale. 
Niente da fare invece per gli altri quattro azzurri in gara. Il ritorno alle competizioni continentali di Rosalba Forciniti (52 kg) si interrompe agli ottavi: nei 52 kg supera al golden score la portoghese Mariana Esteves, per poi cedere il passo all’ungherese Reka Pupp. Stessa sorte per lo sfortunato Manuel Lombardo che si ferma al secondo turno nei 66 kg dopo aver battuto il bosniaco Petar Zadro: ad arrestare il suo percorso il portoghese Joao Crisostomo al termine di un combattuto golden score inizialmente positivo per l’azzurro che mette a segno un ippon poi annullato dai giudici, per poi subire quello della sconfitta definitiva. Nei -48 kg Francesca Milani si impone per ippon sulla tedesca Katharina Menz, ma viene squalificata a seguito di tre shido nell’incontro con l’ungherese Eva Csernoviczki. Esce di scena al primo turno invece Martina Lo Giudice nei -57 kg sconfitta dalla francesce Sarah Leonie Cysique. 

27 Aprile

Antonio Esposito è bronzo europeo! Travolgente come un tornado il 23enne azzurro sale sul terzo gradino del podio negli 81 kg dominando nella finalina il turco Ilker Gulduren con un doppio waza-ari che vale la seconda medaglia continentale per l’Italia. Dopo l’argento ottenuto ieri da Matteo Medves, il già Campione del Mondo juniores (Lubiana, 2013) Antonio Esposito sale sui tatami israeliani a Tel-Aviv con la marcia ingranata: supera al primo turno l’armeno Vartan Khachatryan grazie a un bellissimo waza-ari, al secondo il turco Vedat Albayrak dopo più di 3 minuti di golden score per somma di shido dell’avversario, per poi dominare il portoghese Anri Egutidze ai quarti di finale mettendo a segno l’ennesimo waza-ari. È in semifinale che si interrompe il sogno del giovane napoletano di concorrere per il titolo quando, per somma di shido, deve cedere il passo al belga Sami Chouchi. Esposito però non demorde e compie la seconda impresa della compagine azzurra ottenendo un’importante medaglia di bronzo.
 
Giornata negativa invece per il Campione Olimpico Fabio Basile, che affronta a testa alta la sua nuova categoria di peso dei 73 kg superando per ippon il primo incontro col montenegrino Nikola Gusic per poi cedere il passo al turco Bilal Ciloglu dopo 4 minuti di golden score in cui subisce il waza-ari decisivo. Stessa amara sorte per Edwige Gwend nei 63 kg che, ricevuto il terzo shido ai minuti supplementari, regala la vittoria alla russa Ekaterina Valkova. Il belga Matthias Casse spegne al primo turno il sogno europeo di Christian Parlati negli 81 kg, così come l’olandese Van Duke stoppa il percorso di Carola Paissoni nei -70 kg. Giovanni Esposito, fratello del neo bronzo europeo Antonio, non riesce nell’impresa nei 73 kg, fermato dal bielorusso Shoja per waza-ari.

28 Aprile

Nessuna gioia azzurra nella terza ed ultima giornata dei Campionati Europei di Tel Aviv, in Israele. Eliminati durante le fasi eliminatorie i cinque italiani in gara oggi. A spingersi fino al secondo turno solo Nicholas Mungai che nei -90 kg, dopo aver superato lo slovacco Peter Zilka grazie ad un waza-ari, cede il passo al numero 3 del ranking Mikoloz Sherazadishviliper somma di shido. Nella stessa categoria, per Domenico Di Guida fatale è il secondo waza-ari subito al termine dell’incontro con l’olandese Jesper Smink. Anche Giuliano Loporchio, impegnato nellacategoria -100 kg, lascia la competizione anzitempo subendo due waza-ari dal belga Toma Nikiforov. Tra le donne le speranze di medaglia si spengono dopo il golden score deciso per ippon dalla tedesca Anna Maria Wagner ai danni di Linda Politi nei -78 kg, e la sconfitta di Eleonora Geri nei +78 kg a causa di un osaekomi messo in atto dall’ucraina Yelyzaveta Kalanina. 

Si chiude così i Campionati Europei 2018 per la delegazione italiana che conta nel proprio bottino due prestigiose medaglie conquistate nei due giorni precedenti. Continua ad essere grande la soddisfazione per le imprese dei due judoka azzurri Matteo Medves, argento e dunque Vice Campione Europeo nella categoria -66 kg, e Antonio Esposito, bronzo europeo nella categoria -81 kg.

Fonte: fijlkam
 
  26/04/2018 - Europei seniores, in diretta su RaiSport

Lasciatevi contagiare dall'amore per il Judo e guardate in diretta le finali degli Europei di Tel Aviv in diretta su RaiSport!
Il programma prevede la diretta delle giornate di giovedì 26 (dalle 16:00) e venerdì 27 (dalle 15:00), mentre sabato 28 sarà trasmessa una differita (dalle 19:00).

Non perdetevi la telecronaca della mitica Ylenia Scapin che racconterà le semifinali e le finali dell'importante appuntamento europeo insieme al giornalista Rai Fabrizio Tumbarello.

E come antipasto dell'evento domanisera il TG Sport di Rai 2 delle 18:30 manderà in onda un servizio, con interviste ai nostri atleti di punta della nazionale seniores.

RaiSport è sul canale 57 e 58 del DT o sul canale 227 della piattaforma SKY)

Fonte: fijlkam
 
  26/04/2018 - Cadetti 2018: Primato al Fitness club Nuova florida

21 aprile 2018. Con cinque medaglie, un oro, due argento, due bronzo, il Fitness Club Nuova Florida si è aggiudicato il primato nella classifica per società del campionato italiano cadetti maschile, al quale hanno partecipato 460 atleti. “Questo è un appuntamento che abbiamo preparato con cura – ha detto il coach del club romano, Gianluca Ferro – pertanto eravamo preparati per un buon riscontro, anche se non pensavamo di portare a casa cinque medaglie. Domani? Proveremo a fare altrettanto bene ovviamente”. Il titolo di campione d’Italia U18 ha premiato gli atleti di nove società diverse, Nippon Napoli con Cristian Damiano, Segrate con Hosam Warid, Arti Marziali Novasconi con Vincenzo Skenderi, Akiyama Settimo con Matteo Armao, Champion Team Isernia con Luigi Centracchio, Acras Judo Bolzano con Giovanni Zaraca, Fitness Club con Alessio Graziani, Accademia Torino con Paul Creata, Kumiai Torino con Lorenzo Turini. Domenica si assegnano i titoli femminili.

46: 1) Cristian Damiano (Nippon Napoli); 2) Flavio Petruzzelli (Iacovazzi Bari); 3) Andrea Orlando (Judo Club Leone Palermo) e Antonio Polmo (Airon Judo 90 Furci Siculo)

50: 1) Hosam Warid (Judo Club Segrate); 2) Federico Malagodi (Fitness Club Nuova Florida); 3) Simone Casareto (Kimura Genova) e Alessandro Bellini (Centro Scuole Roma)

55: 1) Vincenzo Skenderi (Arti Marziali Novasconi); 2) Vittorio Cantile (Accademia Yume Napoli); 3) Giuseppe De Tullio (Iacovazzi Bari) e Valerio Ferro (Fitness Club Nuova Florida)

60: 1) Matteo Armao (Akiyama Settimo); 2) Alessandro Rossi (Banzai Cortina Roma); 3) Antonio Bottone (Star Judo Club Napoli) e Filippo Cicciarella (Koizumi Scicli)

66: 1) Luigi Centracchio (Champion Team Isernia); 2) Federico Cuniberti (Akiyama Settimo); 3) Samuel Salvo (Akiyama Settimo) e Flavio Frasca (Pol. Ottavia Roma)

73: 1) Giovanni Zaraca (Acras Judo Bolzano); 2) Valerio Bovi (Fitness Club Nuova Florida); 3) Cristian Belmonte (Musokan Napoli) e Dario Praiotto (Akiyama Settimo)

81: 1) Alessio Graziani (Fitness Club Nuova Florida); 2) Filippo Bacchetta (Judo Invorio); 3) Michele Comuzzi (Sport Team Udine) e Edoardo Perfetti (Fitness Club Nuova Florida)

90: 1) Paul Creata (Accademia Torino); 2) Jean Carletti (Judo Club Camerano); 3) Leonardo Carnevali (Judo Imola) e Ciro Sarnelli (Maddaloni Napoli)

+90: 1) Lorenzo Turini (Kumiai Torino); 2) Lorenzo Rossi (Sakura Arma di Taggia); 3) Dragos Bulat (Center Parma) e Andrea Palumbo (Harmony Roma)

Società: 1) Fitness Club Nuova Florida, 50; 2) Akiyama Settimo, 34; 3) Nippon Napoli, 20.

Ostia, 22 aprile 2018. Ancora Fitness, sempre Fitness, fortissimamente Fitness. Il Fitness Club Nuova Florida è il club che si è aggiudicato il primo posto nella classifica femminile del campionato italiano cadetti a Ostia, che ha registrato la presenza in gara di 238 atlete. Il titolo che avete letto è lo stesso ieri? Sì, è così, perchè dopo il primato maschile, i fratelli Salvatore e Gianluca Ferro, coach del club romano, hanno replicato anche con il primato femminile, precedendo la Ginnastica Triestina, unico club oggi con due titoli ed, al terzo posto, il Banzai Cortina Roma. “Ci siamo ripetuti, anche oggi primi e siamo molto soddisfatti. – ha detto Salvatore Ferro - Se ieri cinque medaglie sono state superiori a quanto ci aspettavamo, oggi pensavamo addirittura qualcosa in più. Ma non possiamo né vogliamo lamentarci, dieci medaglie in due giorni dicono che siamo al top. Sì, siamo sosddisfatti!”.

40: 1) Giulia Giorgi (Hydra Sport Palermo); 2) Lucrezia Tantardini (Judo Castelletto); 3) Elisa Bonanno (G.Giovinazzo Roma) e Ilenia Salfi (Dojo Cosenza)

44: 1) Giulia Italia De Luca (Ginnastica Triestina); 2) Silvia Giuseppa Drago (Ippon Enna); 3) Miriam Leone (Judo Club Leone Palermo) e Asia Avanzato (Fitness Club Nuova Florida)

48: 1) Assunta Scutto (Centro Maddaloni Napoli); 2) Carlotta Avanzato (Fitness Club Nuova Florida); 3) Sara Lisciani (Fitness Club Nuova Florida) e Chiara Zuccaro (G.Giovinazzo Roma)

52: 1) Veronica Toniolo (Ginnastica Triestina); 2) Federica Silveri (Banzai Cortina Roma); 3) Agnese Zucco (Equipe Feltre 2007) e Sara Muccio (Fitness Club Nuova Florida)

57: 1) Giorgia Gualtieri (Isao Okano Club 97); 2) Gaia Curto (Kodokan Vittorio Veneto); 3) Ylenia Monaco (Fitness Club Nuova Florida) e Antonietta Palumbo (Star Napoli)

63: 1) Caterina Mazzotti (Kyu Shin Do Kai Parma); 2) Nadia Arfaoui (Ok Imperia); 3) Michelle Kamano (Dlf Yama Arashi Udine) e Valentina Crema (Center Parma)

70: 1) Martina Esposito (Star Napoli); 2) Carolina Mengucci (Pol. Senigallia); 3) Cecilia Betemps (Centro Torino) e Marta Fiorini (Kumiai Torino)

+70: 1) Irene Caleo (Judo Carrara); 2) Valentina Miele (Banzai Cortina Roma); 3) Erica Simonetti (Akiyama Settimo) e Asya Tavano (Sport Team Udine)

Società: 1) Fitness Club Nuova Florida, 32; 2) Ginnastica Triestina, 20; 3) Banzai Coertina Roma, 20

Fonte: fijlkam
 
  03/04/2018 - A Tula l’European Cadet Cup di Erica Simonetti è di bronzo

Quinta medaglia per l’Italia U18 nell’European Cadet Cup a Tula, a conquistarla è stata Erica Simonetti, che si è classificata al terzo posto nei +70 kg. Una gara impetuosa la sua, cinque combattimenti, tutti con avversarie russe, quattro vittorie per ippon, una sconfitta, per waza ari con Orlova, poi vincitrice della categoria. “Sono abbastanza felice per questo risultato - ha detto Erica Simonetti - però se penso all’incontro perso rosico ancora un pochino... Le avversarie non le ho sentite troppo forti e penso sia una cosa buona. A questo punto ho la testa sui campionati italiani, perché prendere la cintura nera rimane per me l’obbiettivo per quest’anno”. “Gran bella medaglia per Erica che ha combattuto con cuore e determinazione – ha aggiunto Raffaele Toniolo, presidente CNAG - quinta medaglia per questa bella squadra femminile che migliora le 4 dello scorso anno. Soprattutto le 4 medaglie del 2017 erano state ottenute da atlete all'ultimo anno della classe cadetti mentre quest'anno ben 4 delle 5 medaglie sono state conquistate da atlete al primo o secondo anno in questa classe. Un ringraziamento, ancora una volta, alle società ed ai tecnici che preparano al meglio questi ragazzi. Da domani si comincia con il training camp, che sarà per noi un'altra esperienza che farà crescere”.

Fonte: fijlkam
 
  22/03/2018 - Week end sul tatami a Sarajevo e Pordenone

Ostia, 22 marzo 2018. Riflettori puntati sui tatami a Sarajevo, per un’altra European Cup Junior ed a Pordenone, dov’è in programma invece l’EJU Kata Tournament il sabato ed il Grand Prix di kata la domenica. Sedici gli atleti italiani che saranno impegnati in Bosnia Erzegovina in un contesto di 293 atleti appartenenti a 17 nazioni, a Pordenone invece sono iscritte 44 coppie (19 italiane) appartenenti a 7 nazioni.

Fonte: fijlkam
 
  19/02/2018 - Fuengirola ECC: 8 medaglie per l'Italia

Sabato 17 febbraio 2018. Cadetti scatenati e dopo la prima giornata dell’European Cadet Cup a Fuengirola, sono già 5 le medaglie per Italia. “Lo scorso anno furono 5 in due giorni – ha detto il presidente della CNAG Raffaele Toniolo - speriamo domani di conquistare ancora altri titoli. Grande gara di Luigi (Centracchio, ndr) che in finale ha stampato il quotato Naguchev. Molto bene però anche Silvia Drago, Federica Silveri e Veronica Toniolo che sono salite sul podio ancora una volta a distanza di una settimana da Follonica e a questi livelli non è facile. Ritorno alla grande anche del bronzo mondiale Carlotta Avanzato che coglie così la sua prima medaglia nei 48 kg”. Prima giornata con un primo posto, Luigi Centracchio (66), due secondi, Silvia Giuseppa Drago (44) e Federica Silveri (52) e due terzi, Carlotta Avanzato (44) e Veronica Toniolo (52), cui si aggiunge il quinto posto di Valerio Ferro (55) per un terzo posto nel medagliere provvisiorio alle spalle di Russia e Israele. “Sono molto soddisfatta della gara di oggi – è stato il commento di Federica Silveri - mi sono sentita bene sin dall’inizio e sapevo di arrivare fino in fondo. Peccato per la finale, ma sono sicura che mi rifarò presto. Ringrazio la mia famiglia, il mio club e il mio ragazzo”. “Sono molto contenta e soddisfatta del risultato ottenuto,- ha detto a sua volta Silvia Drago - come sempre ho preparato questa competizione con molto impegno e determinazione. Ho creduto in questo risultato sin dall'inizio, incontro dopo incontro ho sperato nella medaglia d'oro, oggi mi accontento di questa d’argento, con la promessa di far sempre meglio”. “Ero un po' stanca in questa gara – ha detto invece Veronica Toniolo - per le 3 gare disputate dal 20 gennaio. Era il nostro programma e lo abbiamo chiuso con 3 ori e un bronzo. Non è andata come volevo, in ogni caso è arrivato un bronzo e ringrazio i miei genitori”. “Sono contenta di come è andata questa gara – ha aggiunto Carlotta Avanzato - mi sentivo in forma, infatti speravo anche in qualcosa di più. Per questo continuo ad allenarmi forte e spero di ottenere ottimi risultati nelle prossime gare”.

Domenica 18 febbraio 2018. Giovanni Zaraca, Daniele Accogli ed Erica Simonetti, con una medaglia d’argento e due di bronzo, hanno reso ancora più ricco il risultato degli atleti italiani a Fuengirola, European Cadet Cup con 36 nazioni e 471 atleti. Con l’argento di Giovanni Zaraca nei 73 kg, il bronzo di Daniele Accogli negli 81 kg e di Erica Simonetti nei +70 kg, il medagliere dell’Italia merita il quarto posto dopo Russia, Germania, Isarele, ma è seconda alla Russia soltanto per quantità di medaglie: 8. “Chiudiamo con 8 medaglie, tre più dello scorso anno. – è il commento infatti del presidente CNAG Raffaele Toniolo - Anche oggi altri due guerrieri, come Luigi ieri, sono tornati in medaglia dopo la bella stagione 2017: argento a Giovanni e bronzo a Daniele. Entrambi hanno pagato decisioni arbitrali difficili da capire, ma l’importante è stato ritornare sul podio. Medaglia anche per Erica Simonetti che si è resa protagonista di una bella gara e ha superato in finale per il bronzo la brava Irene Caleo, ma una bella gara l’ha fatta anche Martina Lanini, che si è fermata ai piedi del podio combattendo molto bene”. “È stata una gara di un buon livello, impegnativa, - ha detto Giovanni Zaraca – per me la prima gara nei 73 kg ed è andata bene, ma poteva andare meglio. Peccato per la finale, che ho perso, ma ho sentito di poter vincere. Mi rimangono dei dubbi su com’è stato gestito l’incontro, ma sicuramente avrò tempo e modo per capirlo”. “Il terzo posto di oggi è un risultato che inseguivo da tempo. – ha detto Erica Simonetti – Dopo avere perso il primo incontro, nei recuperi ho cercato di ragionare bene sugli attacchi da fare e sulla posizione da tenere ed anche grazie a Raffaele Toniolo, sono riuscita a salire sul podio. Dedico questa medaglia ai miei genitori e al mio allenatore Pierangelo Toniolo, continuerò a lavorare per arrivare sempre più in alto ed ambisco a qualche convocazione da parte della nazionale italiana di judo”. “La medaglia di oggi non ha il colore che speravo – è il commento invece di Daniele Accogli – però sono contento del lavoro che sto facendo insieme alla mia famiglia Banzai Cortina. Un grazie ai miei maestri ed a Giovanni Carollo”. L’European Cup spagnola dunque si è confermata una gara in cui gli atleti italiani si trovano a proprio agio e lo dimostrano le otto medaglie conquistate, 1 oro (Luigi Centracchio), 3 argento (Silvia Drago, Federica Silveri, Giovanni Zaraca), 4 bronzo (Carlotta Avanzato, Veronica Toniolo, Daniele Accogli, Erica Simonetti), ma anche tre quinti posti (Valerio Ferro, Martina Lanini, Irene Caleo) per un totale di ben undici finali disputate.

Fonte: fijlkam
 
  09/02/2018 - Basile a Parigi per il Grand Slam, in diretta TV su Sportitalia. I cadetti a Follonica

Ostia, 8 febbraio 2018. Il judo italiano si appresta ad affrontare un fine settimana particolarmente intenso con un doppio impegno internazionale ‘top level’. A Parigi infatti Fabio Basile si confronterà con i migliori 73 kg del mondo nell’ambito del più prestigioso dei Grand Slam che, per l’occasione, vede impegnati 429 atleti di 73 nazioni. “Come per ogni gara, mi sento sempre tranquillissimo, sereno – ha detto Fabio Basile - vado a Parigi per divertirmi, come ho sempre fatto e per far divertire tutti. La forma c’è e sono sicuro che farò una grandissima gara”. “Fabio sta bene – ha aggiunto Francesco Bruyere, cui è stato affidato il compito di seguirlo sabato in gara - sta lavorando davvero molto per ambientarsi in questa nuova categoria, ha sempre fame di vittoria e voglia di gareggiare. Giorno dopo giorno è sempre più pronto. Le grandi gare lo esaltano e Parigi è una di queste”. A Follonica invece, l’appuntamento è con la Cadets European Cup, torneo che anno dopo anno sta crescendo sempre più, sabato 10 e domenica 11 saranno 559 gli atleti di 35 nazioni che si batteranno per un posto sul podio nel PalaGolfo e l’Italia sarà, come sempre, la nazione più rappresentata con 162 atleti, 92 maschi e 70 donne.

Le finali del Grand Slam a Parigi potranno essere seguite in diretta sul canale SportItalia (visibile sui canali 60 e 153 e sulla televisione digitale satellitare nella piattaforma Sky Italia, al canale 225), sabato dalle 18 e domenica dalle 17, con il commento di Chiara Soldi che sarà affiancata dal commento tecnico di Alessandro Bruyere.

Fonte: fijlkam
 
  04/02/2018 - Non solo Fitness al 23° Alpe Adria-Friendship Games

U21 -  4 febbraio 2018. Il Fitness Club Nuova Florida si è aggiudicato il 23° Trofeo Alpe Adria ‘Friendship Games’ che si è disputato nel Bella Italia Village a Lignano, prima prova valida per il Grand Prix cadetti e juniores. La manifestazione organizzata dal Dlf Yama Arashi Udine ha totalizzato 929 presenze effettive in gara, 570 U18 e 359 U21 (dei 1008 iscritti, 77 non si sono presentati e 2 accreditati non si sono pesati) e gli atleti italiani hanno espresso una prevalenza sostanziale che, su un totale di 33 medaglie d’oro assegnate, ne hanno messe al collo 29, lasciandone soltanto due alla Slovenia e due alla Croazia. La classifica per società riflette adeguatamente questo risultato con 5 club italiani nelle prime 5 posizioni, Fitness Club, Akiyama Settimo, Banzai Cortina, Kumiai ed Accademia Torino. Al sesto posto i francesi della Ligue Bourgogne.

U21 M

55: 1) Liborio Basirico (Banzai Cortina), 2) Mattia Martelloni (J Grosseto), 3) Antonio Corsale (J Grosseto) e Andrej Ferro (Nuova Florida)

60: 1) Alessandro Aramu (J Kumiai), 2) Cesare Zelli (Nuova Florida), 3) Andrea Bertuzzi (Budokan Institute) e Carlo Fraticelli (New Body Center)

66: 1) Mattia Miceli (Banzai Cortina Roma), 2) Alessandro Bosis (P Besanese), 3) Raffaele Stefanelli (Nippon Napoli) e Gabriele Santicchi (Jc Segrate)

73: 1) Matteo Mazzi (J Grosseto), 2) Christian Bonfili (P Castelverde), 3) Davide Nuzzo (Banzai Cortina Roma) e Paolo Aliberti (AM Torre del Greco)

81: 1) Giacomo Gamba (Forza e Costanza), 2) Tiziano Falcone (Nuova Florida), 3) Antonio Apruzzesi (G Giovinazzo) e Kenny Bedel (Villanova)

90: 1) Lorenzo Parodi (Pro Recco), 2) Antonio Mancuso (New Body Center), 3) Jernej Jarc (Jk Olimpija) e Lorenzo Tanganelli (J Grosseto)

100: 1) Christian Storto (Akiyama Settimo), 2) Emanuele Graziani (Nuova Florida), 3) Francesco Pragliola (Passe-Partout) e Giacomo Calderoni (Robur et Fides)

+100: 1) Enej Marinic (Branik Broker Maribor), 2) Marcel Skalec (Jk Profectus), 3) Lorenzo Turini (J Kumiai) e Oliver Grasso (Dynamic Center Gravina)

U21 F

44: 1) Valeria Uras (Jc Canino), 2) Greta Conti (Mon Club), 3) Micaela Bellante (Am Novasconi)

48: 1) Carlotta Avanzato (Nuova Florida), 2) Sofia Petitto (Akiyama Settimo), 3) Anna De Luca (Jc Paola) e Onda India Giordano (Isao Okano Club)

52: 1) Alessia Tedeschi (Jc Castellanza), 2) Matilda Avila (J Kumiai), 3) Priscilla Binci (Jc Camerano) e Rossella Boccola (Dojo Equipe Bologna)

57: 1) Iva Oberan (Klub Zupa Dubrovacka), 2) Silvia Pellitteri (Accademia Torino), 3) Tea Patri (Pro Recco) e Teja Tropan (Jc Impol)

63: 1) Lia Ludvik (Sankaku), 2) Nicolle Disanto (Cs Pomilia), 3) Elisa Toniolo (Ginnastica Triestina) e Zarja Tavcar (Siska Ljubljana)

70: 1) Arianna Manzoni (Jc Camerano), 2) Claudia Cerutti (Akiyama Settimo), 3) Ilaria Qualizza (J Kumiai) e Cecilia Betemps (Asd Centro)

78: 1) Anna Fortunio (Fortitudo 1903), 2) Betty Vuk (J Tolmezzo), 3) Elena Andreoli (Pro Recco) e Francesca Pompei (Pol Senigallia)

+78: 1) Helena Vukovic (Jk Profectus), 2) Doya Okta Abouna (Ligue Bourgogne), 3) Zala Komat (Sankaku), 4) Alessia Ovsec (Muggesana)

Società: 1) Fitness Club Nuova Florida, 104; 2) Akiyama Settimo, 90; 3) Banzai Cortina Roma, 62

U18 - 3 febbraio 2018. Con tre primi, un secondo e tre terzi posti il Fitness Club Nuova Florida si è aggiudicato la tappa cadetti del 23° Trofeo Alpe Adria-Friendship Games, prima prova del Grand Prix, seguito, anche se con lo stesso punteggio, dall’Akiyama Settimo che ha collezionato otto medaglie, ma con un primo posto, due secondi e cinque terzi. Leggermente più distante, al terzo posto, il Banzai Cortina Roma con un primo, un secondo, un terzo posto. Alla gara cadetti hanno partecipato 570 atleti, 389 nelle categorie maschili, 181 in quelle femminili, soltanto quattro le medaglie andate agli atleti non italiani, nessuna d’oro.

U18 F

40: 1) Giulia Giorgi (Hydra), 2) Lucrezia Tantardini (J.Castelletto)

44: 1) Giulia Italia De Luca (Ginnastica Triestina), 2) Miriam Leone (Jc Leone), 3) Asia Avanzato (Nuova Florida) e Giulia Ghiglione (Ok Club)

48: 1) Carlotta Avanzato (Nuova Florida), 2) Greta Luna Ancora (Nuova Florida), 3) Sara Russo (Akiyama Settimo) e Chiara Zaccaro (G Giovinazzo)

52: 1) Veronica Toniolo (Ginnastica Triestina), 2) Lana Gregorcic (Jk Olimpia), 3) Agnese Zucco (Equipe Feltre 2007) e Michelle Vecchiato (J Castelletto)

57: 1) Giorgia Gualtieri (Isao Okano Club 97), 2) Maria Concetta Milazzo (Titania Club), 3) Emilia Simeoli (Gym Art) e Isabella Bertolini (Acras J Bolzano)

63: 1) Martina Lanini (J Vanzago), 2) Gabrielle Barbaud (Ligue Bougogne), 3) Stasa Kolar (Jk Bezigrad) e Ludovica Franzosi (Akiyama Settimo)

70: 1) Cecilia Betemps (Asd Centro), 2) Carolina Mengucci (Pol Senigallia), 3) Eleonora Pagliughi (Kyu Shin Do Kai Parma) e Maria Chiara Antonelli (Banzai Cortina)

+70: 1) Valentina Miele (Banzai Cortina), 2) Erica Simonetti (Akiyama Settimo), 3) Asya Tavano (Sport Team Udine) e Irene Caleo (J Carrera)

U18 M

46: 1) Flavio Petruzzelli (Team Iacovazzi), 2) Daniele Cammilleri (Jc Leone), 3) Antonio Polmo (Airon J 90) e Cristian Damiano (Nippon Napoli)

50: 1) Hosam Warid (Jc Segrate), 2) Mattia Lombardi (J Sanremo), 3) Simone Casareto (Kimura Genova) e Francesco Iacovelli (Nippon Napoli)

55: 1) Vincenzo Skenderi (AM Novasconi), 2) Mattia Proietti (Sakura Osimo), 3) Giuseppe De Tullio (Team Jacovazzi) e Valerio Palmacci (Nuova Florida)

60: 1) Filippo Cicciarella (Koizumi Scicli), 2) Alessandro Rossi (Banzai Cortina), 3) Matteo Armao (Akiyama Settimo) e Alessandro Panata (Accademia Torino)

66: 1) Federico Cuniberti (Akiyama Settimo), 2) Samuel Salvo (Akiyama Settimo), 3) Matteo Nicoletti (Akiyama Settimo) e Maxence Mary (Ligue Bougogne)

73: 1) Valerio Bovi (Nuova Florida), 2) Cristian Belmonte (Musokan Club), 3) Davide Porro (Pol Besanese) e Mattia Galeazzo (Akiyama Settimo)

81: 1) Edoardo Perfetti (Nuova Florida), 2) Filippo Bacchetta (J Invorio), 3) Alessio Graziani (Nuova Florida) e Nicolae Bologa (P Villanova)

90: 1) Paul Creata (Accademia Torino), 2) Francesco Sanapo (P.Villanova), 3) Filippo Sbalchiero (Budosan) e Riccardo Vallino (Asd Centro)

+90: 1) Lorenzo Turini (J.Kumiai), 2) Lorenzo Rossi (Sakura Arma di Taggia), 3) Dragos Bulat (Center Parma) e Ludovico Urbani (Dojo Trieste)

Fonte: fijlkam
 
  28/01/2018 - Campionato Italiano Assoluti Judo 2018 - I Risultati

Ostia, 27 gennaio 2018. Nicholas Mungai e Giuliano Loporchio hanno confermato la leadership tricolore. Nella prima giornata di gare nel PalaPellicone a Ostia, dove sono stati assegnati i sette titoli italiani assoluti maschili, quelle del portacolori dell’Esercito e dell’atleta delle Fiamme Gialle sono state le uniche conferme, mentre hanno cambiato padrone tutte le altre categorie. La sorpresa è stato Diego Rea, 19enne del New Body Center che, con un percorso di gara straordinario, ha sovvertito tutti i pronostici salendo sul podio più alto dei 60 kg, unico vincitore senza ‘stellette’. È ritornato a vincere l’Assoluto Matteo Piras, già campione a Parma nel 2016, esprimendo forza e sicurezza come allora, così come Enrico Parlati, che ha ritrovato il podio tricolore più alto che gli mancava dal 2015, a Torino. Alla prima vittoria agli Assoluti è stato invece il 20enne Christian Parlati, ma negli 81 kg non può proprio esser considerato più una sorpresa. Vincenzo D’Arco infine, di Assoluti ne ha vinti 4 e quello a Ostia è stato il secondo nei +100 kg, con il precedente successo ottenuto nel 2016. Nella classifica per società, l’Akiyama Settimo ha meritato la prima posizione nonostante non abbia incassato nessun primo posto effettivo, Fiamme Gialle e Fiamme Oro, con due primi ciascuno, si sono classificate seconda e terza. Nell’ambito della manifestazione è stato dedicato un momento di attenzione per il premio messo a disposizione dalla Fondazione Matteo Pellicone, una borsa di studio che in quest’occasione ha valorizzato l’impegno della giovane napoletana Martina Esposito e del pordenonese Kenny Bedel, peraltro protagonista anche di una prova eccellente sfiorando il podio nei 73 kg. I vincitori. 60: 1) Diego Rea (New Body Center Napoli); 2) Patrick Cala Lesina (Airon Judo 90); 3) Andrea Ferretti (Akiyama Settimo) e Andrea Carlino (Akiyama Settimo); 66: 1) Matteo Piras (Carabinieri); Edoardo Mella (Akiyama Settimo); 3) Manuel Lombardo (Esercito) e Luigi Brudetti (Star Judo Club Napoli); 73: 1) Enrico Parlati (Fiamme Oro); 2) Augusto Meloni (Fiamme Oro); 3) Andrea Spicuglia (Accademia Torino) e Emanuele Bruno (Fiamme Gialle); 81: 1) Christian Parlati (Fiamme Oro); 2) Ermes Tosolini (Akiyama Settimo); 3) Luca Guarino (Monterotondo) e Salvatore D’Arco (Nippon Napoli); 90: 1) Nicholas Mungai (Esercito); 2) Domenico Di Guida (Fiamme Azzurre); 3) Lorenzo Rigano (Airon Judo 90) e Federico Rollo Banzai Cortina Roma); 100: Giuliano Loporchio (Fiamme Gialle); 2) Luca Ardizio (Carabinieri); 3) Federico Cavanna (Pol. Genovese Shodokan) e Davide Pozzi (Akiyama Settimo Torinese); +100: Vincenzo D’Arco (Fiamme Gialle); 2) Nicola Becchetti (Kodokan Fratta); 3) Tiziano Di Federico (Tor Lupara) e Valerio Menale (Fitness Club Nuova Florida); Società: 1) Akiyama Settimo Torinese; 2) Fiamme Gialle; 3) Fiamme Oro.

Ostia, 28 gennaio 2018. Sono state Francesca Milani e Carola Paissoni le due atlete che hanno saputo confermare il primo posto al campionato italiano assoluto. Il PalaPellicone a Ostia però, agli applausi per la 24enne romana dei 48 kg e la 23enne torinese dei 70 kg, ha dimostrato affetto, simpatia e riconoscenza anche ad altri protagonisti della giornata, fra tutte Rosalba Forciniti, ritornata a gareggiare a 31 anni, dopo un addio alle gare che risale al 2014, le maternità ed un cambio di club. Quinto titolo assoluto per lei, il precedente è stato nel 2010. Ritornare sul tatami e gareggiare è stata la cosa più naturale che mi potesse capitare – ha detto Rosalba Forciniti - è stato come se non l’avessi mai lasciato, come un grande amore che non ti scordi mai. Se penso di continuare? Non lo so, adesso voglio andare a casa, stare con i miei figli, la famiglia, domani è un altro giorno. Ci tengo però a ringraziare la mia famiglia, le amiche, la mia nuova società, il Banzai Cortina, che mi sono stati vicino in questo percorso ed in questo periodo molto particolare per me”. Terzo primo posto agli Assoluti invece, per la 26enne siciliana Martina Logiudice, oro nei 57 kg, mentre Edwige Gwend ha dominato i 63 kg collezionando la sesta vittoria ‘assoluta’. Giorgia Stangherlin ha soltanto 21 anni, ma nei 78 kg ha conquistato il secondo titolo in una categoria bella, combattuta, mai scontata, così come per la 19enne Annalisa Calagreti, salita per la prima volta sul trono delle +78 kg. Fiamme Gialle prima fra le società, accompagnata sul podio dal Banzai Cortina e Accademia Torino. Un’altra emozione è nata dall’abbraccio virtuale dedicato ad Elio Verde quando, con una cerimonia quasi spontanea, è stato annunciato il suo addio alle gare. Accompagnato dai suoi compagni di squadra, Paolo Bianchessi e Antonio Ciano, Elio è salito sul podio per ricevere una standing ovation sentita, più esplicita di mille parole.

Così sul podio

48: 1) Francesca Milani (Banzai Cortina Roma); 2) Michela Fiorini (Dojo Akiyama Torino); 3) Giulia Santini (Fitness Club Nuova Florida) e Alessia Ritieni (Fitness Club Nuova Florida)

52: 1) Rosalba Forciniti (Banzai Cortina Roma); 2) Annarita Campese (Arti Marziali Torre del Greco); 3) Francesca Giorda (Accademia Torino) e Maruska Iamundo (Judo Club Ventimiglia)

57: 1) Martina Lo Giudice (Fiamme Gialle); 2) Anita Cantini (Accademia Prato); 3) Federica Luciano (Akiyama Settimo) e Samanta Fiandino (Dojo Equipe Bologna)

63: 1) Edwige Gwend (Fiamme Gialle); 2) Nadia Simeoli (Nippon Napoli); 3) Martina Greci (Fiamme Oro) e Anna Righetti (Akiyama Settimo)

70: 1) Carola Paissoni (Kumiai Torino); 2) Alice Perin (Accademia Torino); 3) Martina Esposito (Star Judo Club) e Alice Bellandi (Fiamme Gialle)

78: 1) Giorgia Stangherlin (Carabinieri); 2) Melora Rosetta (Esercito); 3) Lucia Tangorre (Fiamme Oro) e Assunta Galeone (Fiamme Gialle)

+78: 1) Annalisa Calagreti (Ginnastica Tifernate); 2) Francesca Roitero (Skorpion Pordenone); 3) Eleonora Geri (Carabinieri) e Elisa Marchiò (Esercito)

Società: 1) Fiamme Gialle; 2) Banzai Cortina Roma; 3) Accademia Torino

Fonte: fijlkam